Il cinema di Ermanno Olmi in mostra a Milano

Da Bassano del Grappa a Cannes: la carriera cinematografica di Ermanno Olmi va in mostra a Milano fino al 21 luglio, presso Cinema Spazio Oberdan. A poche settimane dalla scomparsa di uno dei più grandi maestri del cinema italiano, premiato per L’Albero degli zoccoli con la Palma d’oro nel 1978 e con il premio César al Migliore film straniero nel 1979, la rassegna milanese omaggerà la corposa produzione del regista bergamasco attraverso la proiezione di ben 17 lungometraggi, 1 cortometraggio, 2 mediometraggi e 1 episodio da un film collettivo.

La mostra rappresenta uno sguardo approfondito e affettuoso verso il cinema di Olmi, caratterizzato da uno stile diretto e semplice, che con profondità di pensiero ha saputo raccontare l’Italia nella seconda metà del Novecento, la sua storia e la sua tradizione, così come la contemporaneità e la complessità del presente. Molti sono i film in cui Bergamo e la provincia lombarda sono protagonisti, come E venne un uomo, lucida biografia di Papa Giovanni XXIII; La circostanza, il racconto di una famiglia borghese in pezzi, mentre sullo sfondo si agita una crisi pronta a colpire l’intera Italia; fino a Torneranno i prati, tra gli ultimi lavori di Olmi, ambientato nelle trincee sul fronte nord della Prima Guerra Mondiale.

Un’ultima piccola chicca per i veri appassionati: la mostra vedrà la proiezione del corto Il tempo si è fermato – Il cinediario, in edizione restaurata. L’opera è una sorta di backstage sulla realizzazione del film Il tempo si è fermato, al seguito della troupe per osservare da vicino ogni movimento degli addetti ai lavori. Il miglior modo per ricordare il grande regista è proprio attraverso i suoi film.

NEWS

Pierfrancesco Favino sul set del film “Padre Nostro”

Alla regia Claudio Noce che gira tra Roma e Calabria

Vai all'articolo

Primo ciak per ‘D.N.A’. di Lillo ...

D.N.A. segna l'esordio alla regia per il duo comico

Vai all'articolo

Al via le riprese di “Sette ore per ...

Giampaolo Morelli debutta alla regia con una romantic comedy

Vai all'articolo