Cinema italiano: segnali positivi registrati durante il 2018

Buone notizie per il box office italiano

Buone notizie per il box office italiano: le più importanti associazioni di categoria, ANICA, ANEC, ANEM, FICE, ACEC comunicano i primi risultati relativi al 2018, con un giudizio piuttosto positivo.

Dall’analisi condotta, emerge la totale consapevolezza circa le criticità del nostro mercato, soprattutto a causa dei pessimi risultati dell’estate scorsa. La tendenza sembra tuttavia in rovesciamento, come dimostrano i risultati positivi ai botteghini di novembre e dicembre.

Un aspetto rilevante è la decisione presa da distributori e produttori ANICA, ed esercenti ANEC e ANEM, di pianificare il rilancio strategico della stagione estiva, con una programmazione più robusta, già annunciata qualche mese fa: l’obiettivo è dunque contrastare la forte stagionalità del consumo cinematografico nel Bel Paese.

Un ulteriore dato positivo da tenere in considerazione è la crescita del cinema italiano con un +23% di produzioni e co-produzioni nazionali. È un dato confortante, che segna il rilancio degli investimenti pubblici e privati nel settore cinematografico e che risulta ancor più rilevante se confrontato con quanto registrato negli altri Paesi europei paragonabili all’Italia: nel 2018, infatti, hanno avuto un segno negativo rispetto all’anno precedente le produzioni e i Box Office di Francia, Spagna e Germania.

Buone notizie, dunque, dettate soprattutto dalla qualità delle offerte proposte, che sembrano non aver sofferto né la concorrenza dei competitor diretti nel settore dell’entertainment (dal teatro ai concerti musicali), né la diffusione sempre più capillare delle piattaforme di streaming digitale (da Netflix ad Amazon Prime Video).

NEWS

Al via le riprese di “Sette ore per ...

Giampaolo Morelli debutta alla regia con una romantic comedy

Vai all'articolo

Taormina Film Fest 2019

Anteprime internazionali e grandi ospiti

Vai all'articolo

Riparte la Locarno Academy

Le iniziative del Festival per i giovani talenti

Vai all'articolo